di

In:

Commenti disabilitati su A Soelden Maze balla da sola

A Soelden Maze balla da sola

Parte a singhiozzi questa nuova stagione di Coppa femminile. Se sono state esaudite le accorate  preghiere delle atlete di non trovare in pista quel tanto paventato fondo di neve fresca, condizione che rende ancora più sordi questi nuovi sci con raggio di curva 30m, ahimè si è invece realizzata la profezia del meteo riguardo ai banchi di nebbia. Ennesima situazione border line relativamente alle imprescindibili condizioni di  sicurezza per le protagoniste, ancora una volta, gestite dalla FIS come marionette:” si parte.5,4,3,2 stop- partenza della seconda manche rimandata a tempo indeterminato”.  Un copione già visto ed una regia scoordinata, orientata esclusivamente alla riuscita dell’evento e dimentica dell’importanza delle prime attrici. Bando alle polemiche, la vera salvezza per la FIS è che in definitiva i più forti emergono a prescindere dalle condizioni estreme che trovano in campo, scagionando inconsapevolmente  gli organizzatori dalla faciloneria con cui hanno catapultato loro,  gli atleti, allo sbaraglio.

La vittoria di Tina Maze non sorprende gli addetti ai lavori come allenatori e D.T. che a pochi giorni da questa prova della verità, aveva già dimostrato nei sommari confronti tra i tracciati di allenamento per la facilità con cui riuscisse a deformare questi assi, soprattutto la dove è più difficile farlo: nei tratti di piano.

Così, al via della prima manche, quando nel vedere in pista Goergl e Vonn, con tutto il loro nuovo repertorio di traversi e verticalizzazioni,  ci stiamo quasi convincendo che lo sci femminile ha inesorabilmente accusato un’involuzione tecnica, la performance di Tina Maze ci rassicura sin dai primi passaggi. La sua sciata è fluida, potente, le curve magistralmente collegate grazie  a movimenti sinusoidali  e parafrasando Vasco … tutto il resto è noia. La mia impressione è che solo la slovena e, nei tratti più tecnici, Tessa Worley abbiano veramente automatizzato la nuova gestualità mentre tutte le loro colleghe, messe alla gogna da una visibilità piatta e da una sciata dispendiosa dal punto di vista energetico siano inconsciamente ricorse all’ormai anacronistico  meccanismo del “mi butto dentro per correggere la traiettoria”. Un pensiero fatale, nella gara di oggi che ha tradito atlete del calibro della francesina Worley e della regina di specialità Rebensburg , rispettivamente 2° e 3° nella prima manche e uscite a metà della seconda. Stessa sorte amara per l’azzurra Brignone che come reazione ad una sua prima manche titubante, soprattutto nei tratti a lei più congeniali, ha puntualmente rispolverato le sue inclinazioni funamboliche questa volta contro ogni legge della fisica!

Sorpresa ha destato l’anonima prestazione della leader di Coppa Lindsey  Vonn forse appannata dal peso delle attenzioni mediatiche generate dalle sue stesse dichiarazioni sensazionalistiche …

Più strategico l’approccio della tedesca Riesch (in forse fino alla vigilia della gara la sua partecipazione) che comunque si è limitata a subire il ritmo del tracciato assicurandosi linee rotonde, troppo rotonde.

Nonostante la squadra austriaca sia stata decimata dagli infortuni è più che dignitosamente rappresentata da Zettel e Kohele, entrambe sul podio.

Nella seconda manche abbiamo assistito ad una prova d’orgoglio da parte di Irene Curtoni, troppo attenta e rispettosa nella prima prova più a suo agio con il ritmo incalzante della seconda tracciatura, peccato che si sia poi arenata nel piano finendo all’ ottavo posto, proprio alle spalle della connazionale Karbon ancora una volta autrice di una gara disputata “con il cuore e non con la testa”, cioè non scevra di errori ma priva di calcoli, probabilmente la più coraggiosa della compagine azzurra.

Intanto Tina Maze “balla da sola” in questa sua nuova corsa alla generale …

Tags: , , ,

  • https://t.co/is5TDcBjuk

  • Festa AOC: Golden Team miglior Sci Club del Piemonte - Premiati titoli Regionali e... - https://t.co/5foXwEB5vf

  • https://t.co/42KWwsunjq

  • https://t.co/Ch6dc0hFCi

  • Prenota Ora il tuo Camp a Les 2 Alpes - https://t.co/ytAhqalQ7I

  • Un Osteopata sempre in pista - Camp Les2Alpes - https://t.co/I3jICIoBCj

  • https://t.co/wI8OjMBjyv

  • https://t.co/zVAejkroUR prenota ora il tuo Camp a Les 2 Alpes

  • @ColmarSport @daniceccarelli

  • Video di colmarsport https://t.co/HZOby3Zprg

  • foto di alpineskiworld https://t.co/YZcrfOD1XW

  • https://t.co/BW1NMQKTJW

  • #shoppingtime my mom my #personalshopper #anni50style #capri https://t.co/OztSSoHMLP

  • #technogym denisekarbon @maxblardone giorgio_rocca #istruttorinazionalisci #bestoftheday… https://t.co/l5rYrGPwGo

  • Just posted a photo @ Annecy, la venise des alpes https://t.co/7iK2rDoteK

  • Go laracolturi Go!!! #figureskating #love #instadaily #instagood  #me #instagramhub… https://t.co/SvyUMur1dS

  • St Moritz ... Tutti i colori del Bianco!!! #audifisskiworldcup https://t.co/GCxAHgbRAE

  • RT @RaiSportweb: #Curtoni terza nella discesa di St. Moritz | #RaiSci https://t.co/4286yCPLml

  • Peter Fill oggi a St. Moritz scrive una pagina importante dello sci e della discesa ... Wow! Giù il cappello #Raisci https://t.co/HDCiqQhiBr

  • Lara Colturi helmet by @Bolle_Eyewear @Colmar #redbull #redbullitalia https://t.co/rIiuiVJhDq